045.8010527 info@psychoarea.it

Terapia di Coppia

COPPIA: UN PROBLEMA DIFFUSO, UN CAMBIAMENTO POSSIBILE

Le relazioni di coppia spesso iniziano con tanto entusiasmo e sulla base di un reale affetto, ma altrettanto spesso finiscono però per fallire, nonostante gli sforzi e l’impegno dei partner. In altri casi, il legame di coppia è visto come un vincolo noioso e deprivante, in cui le persone devono rinunciare a se stessi per preservare una relazione nel complesso insoddisfacente.
Il fenomeno della fragilità della relazione di coppia ha delle dimensioni importanti: più del 40% dei matrimoni oggi in Italia arrivano al divorzio o alla separazione legale (dati Istat 2014) ma il sommerso di insoddisfazione appare ancora più grande.
Tali considerazioni, fanno comprendere chiaramente l’importanza sociale delle problematiche legate alla relazione di coppia insieme alla dimensione personale nella quale resta in primo piano la sofferenza e la paura di rimanere da solo, di far del male ai propri figli, di non avere un adeguato sostegno economico, o di subire una stigmatizzazione sociale.

La terapia di coppia

Lavorare sul rapporto di coppia consente quindi di costruire delle radici basate sulla consapevolezza di sé e dei bisogni affettivi di ciascun partner, scambiandosi sostegno e comprensione e permette di vivere la relazione in modo più soddisfacente e pieno.
Spesso i due membri della coppia sono disperatamente ingaggiati in conflitto che si configura come una lotta di “sopravvivenza affettiva” e per questo, impegnati nell’impossibile impresa di cambiare la personalità del partner.
Nella terapia di coppia la corteccia prefrontale è spesso bypassata proprio perché la relazione è regolata da altre aree cerebrali più antiche che presiedono al mantenimento di una relazione di sicurezza.
Le emozioni sono la musica della danza relazionale della coppia che ripete schemi automatici di comportamento e di pensiero ed è marcata dalle emozioni. Riconoscere ed espandere le emozioni è la precondizione per il cambiamento perché crea un clima di accettazione e accoglienza delle proprie e delle altrui fragilità che permette, in un secondo tempo, di riconoscere la disfunzionalità dei propri comportamenti.

L'intervento di terapia di coppia

L’intervento è riassumibile in quattro fasi:

a) fase consulenziale: ACCOGLIENZA E RICONOSCIMENTO DEL DOLORE DI CIASCUNO

  1. Riconoscere e riflettere il processo in atto tra i coniugi
  2. Riconoscere e riflettere le emozioni più profonde che stanno alla base della sofferenza dei due partner.

b) fase psicoterapeutica: RIDEFINIZIONE DEL CICLO DISFUNZIONALE E SUO SUPERAMENTO

  1. Riconoscere e riflettere l’effetto che suscita nel partner l’emozione legata al tema doloroso profondo.
  2. Riconoscere e condividere il qui ed ora della emozione in ciascuno dei partner e validare, incoraggiare ciascuno
  3. Approfondire i meccanismi compensatori che ciascuno ha messo in atto fino a quel momento. Entrare nello stato mentale doloroso dando voce alla difficoltà e rafforzando ogni piccolo movimento verso una nuova consapevolezza e nuovi stili relazionali.
  4. Restituire la competenza e la speranza in una esperienza emozionale correttiva.
  5. Aiutare la coppia a riprendersi responsabilità su se stesso e accogliere la difficoltà del partner, superando una logica di dipendenza.
  6. Nel caso che i partner decidano di non proseguire la loro relazione riconoscere il positivo che si sono scambiati durante la loro relazione.

c) fase di impegno nel cambiamento: NUOVI STILI E NUOVE COMPRENSIONI

  1. Proporre e attuare nuove modalità di comunicazione e di scambio emotivo
  2. Proporre e modificare stili comportamentali non più utili
  3. Riconoscere la radice del proprio dolore fissata negli schemi disfunzionali appresi nel corso della storia personale di ciascun partner.
  4. Organizzare atti riparativi ed esperienze nuove di sintonia emotiva.

d) fase di consolidamento: INCREMENTARE LE RISORSE PER LA VITA DI COPPIA

  1. Riconoscere il contributo di ciascun partner dato durante la terapia di coppia.
  2. Riconoscere e sviluppare le aree di competenza di ciascun partner nel produrre benessere alla coppia.
  3. Aumentare la connessione con ambienti ed esperienze favorevoli alla crescita della relazione di coppia.

RIFERIMENTI

2017 D. Rebecchi, P. Vinai (a cura di), Psicoterapia cognitiva della coppia. Dalla valutazione ai percorsi di intervento, Ed. Cortina – Milano

Chiedi un incontro con un nostro specialista

Scrivici e verrai contattato dallo specialista più adatto alle tue esigenze