045.8010527 info@psychoarea.it

Psicofarmacologia

Psicoterapia e intervento farmacologico

i nostri centri offrono una intervento integrato tra psicoterpia e farmacologia.

Il professionista che propone un intervento psicoterapeutico deve tenere conto della possibilità, reale e sempre più frequente, che il paziente in questione stia seguendo, abbia seguito o seguirà un trattamento farmacologico.

Diventa quindi auspicabile per il professionista che non sempre può avere una formazione specifica in campo psicofarmacologico la collaborazione stretta con professionisti qualificati che gli permettano di conoscere gli effetti desiderati e quelli collaterali dei farmaci, di intervenire quando necessario, in modo specifico e non invasivo evitando errori diagnostici, facili interpretazioni ed errate indicazioni terapeutiche.

Va tenuto presente che l’assunzione di uno psicofarmaco non garantisce lo sviluppo di alcune funzionalità psichiche, ma può al massimo agevolarle in minima parte, in particolare: insegnare abilità sociali, tra cui le abilità di comunicazione; migliorare il senso di autoefficacia (al contrario, può dar luogo alla convinzione passivizzante, talvolta non giustificata che “senza il farmaco non riesco a fare nulla”), cambiare le abilità di pensiero disfunzionali, tra cui la bassa tolleranza alla frustrazione (“questa cosa è troppo difficile e faticosa: chi me lo fa fare?”); tendenza all’attribuzione esterna (“è tutta colpa sua”); l’ostilità e aggressività (“l’ha fatto apposta, gliela devo far pagare”); suscitare pensieri utili e non dannosi; aumentare la motivazione verso comportamenti appropriati.

Occorre inoltre sottolineare che, poiché i farmaci possono produrre effetti collaterali sgradevoli, è indispensabile che il miglioramento sia almeno tale da controbilanciarli.

Leggi di più

Chiedi un incontro con un nostro specialista

Scrivici e verrai contattato dallo specialista più adatto alle tue esigenze